Oggi è possibile ridurre il grasso accumulato in zone specifiche del corpo mediante la tecnica della Criolipolisi. Molteplici ricerche hanno evidenziato che le cellule adipose sono particolarmente sensibili al freddo, questo infatti innesta un processo di apoptosi (cioè morte naturale) delle cellule stesse che poi verranno gradualmente eliminate tramite il processo metabolico del fisico.

La Criolipolisi è una moderna e recentissima tecnologia importata dagli Stati Uniti che sfrutta l’azione del freddo per attaccare e sciogliere il grasso in maniera selettiva.
Le cellule adipose in eccesso verranno congelate tramite uno specifico macchinario che porta alla “morte” di esse in modo da essere successivamente smaltite dall’organismo.

Questa nuova tecnologia, chiamata anche “congelamento del grasso”, permette di rimodellare il corpo senza intervenire chirurgicamente. In più, rispetto ad altre tecniche quali la Cavitazione (tramite ultrasuoni), ma anche la stessa Liposuzione, la Criolipolisi promette l’eliminazione permanente del grasso localizzato, e quindi nella zona trattata non si riformerà nuovamente adipe.

La Criolipolisi è particolarmente indicata per il trattamento di:
• fianchi, nonché “maniglie dell’amore”
• cosce e interno coscia
• culottes de cheval
• parte interna del ginocchio
• addome
• braccia
• tutte quelle zone del corpo in cui c’è un’adiposità tale da essere afferrata in modo da consentire di applicare il manipolo
• è indicato sia agli uomini che alle donne; per quanto concerne gli uomini si hanno ottimi risultati anche nel trattamento del grasso depositato sulle mammelle

I principali vantaggi riscontrabili sono:
• riduzione del grasso in maniera costante e graduale
• trattamento indolore e non invasivo
• migliora l’aspetto della pelle a “buccia d’arancia” ed elimina la cellulite
• dona elasticità e tono alla cute

Come si effettua la Criolipolisi?

La Criolipolisi è una procedura non invasiva e non dolorosa, che mira a eliminare il grasso corporeo attraverso il congelamento delle cellule di grasso. Per fare ciò, si utilizza un dispositivo a piastra, che viene posizionato sulla zona da trattare e raffreddato poi, raggiungendo una temperatura di 5 gradi sotto lo zero. Durante il trattamento, si può avvertire una sensazione di fastidio. Ogni seduta si elimina il 20% del grasso e, tra una seduta e l’altra, devono trascorrere almeno due mesi. Questa procedura viene eseguita in uno studio medico, sotto la supervisione di un dermatologo o di un chirurgo plastico.

Il trattamento di Criolipolisi si attua tramite un macchinario dotato di un manipolo a forma di campana che viene frapposto ad un telo rettangolare impregnato di un gel molto freddo. Accendendo la macchina, il tessuto adiposo “pinzato” viene aspirato all’interno del manipolo con una specie di effetto ventosa e condotto in poco tempo a bassa temperatura (arriva fino a -7 gradi).
Questa aspirazione della cute consente un raffreddamento selettivo del grasso, come se venisse congelato. Nelle cellule adipose il freddo provoca un processo di autodistruzione (denominato apoptosi), ecco perché si afferma che la Criolipolisi causa la “morte” delle cellule di grasso!
Successivamente i liquidi ed il grasso contenuti nelle cellule vengono smaltiti in modo naturale dall’organismo. Il paziente non avvertirà nessun dolore, ma solamente una sensazione di freddo. Al termine della seduta si potranno tranquillamente riprendere le proprie attività quotidiane.

Cosa accade nell’organismo?

Il grasso sottocutaneo si “frammenta” e alcuni giorni dopo la procedura, le cellule di grasso raffreddato iniziano un processo chiamato “apoptosi”, cominciando così a diminuire. Il naturale processo biologico infiammatorio, rimuoverà lentamente, nell’arco di diversi mesi, le cellule di grasso danneggiare e le rimuoverà attraverso il fegato. Pare che questo trattamento risulti più efficace su aree con molto grasso rispetto a zone relativamente più snelle (dove magari si presenta solo una lieve cellulite), e in particolare su grasso localizzato. Non è necessaria anestesia né tempo di recupero, i pazienti possono tornare alle loro normali attività lavorative, e svolgere anche sport ed esercizio fisico.

Controindicazioni e effetti collaterali

Questo procedimento sta avendo un grande successo soprattutto perché non ha grandi controindicazioni. La Criolipolisi infatti, non danneggia né i tessuti circostanti, né i vasi sanguigni, tanto meno nervi e ossa. Gli effetti collaterali delle Criolipolisi sono lievi e sono gli stessi che causa l’esposizione ad una temperatura molto bassa. La pelle si può arrossare per alcuni minuti, fino al massimo qualche ora. Nei casi più gravi si possono formare ecchimosi passeggere, formicolio, intorpidimento della zona o crampi.

Chi può effettuarlo?

Come già detto, questa procedura si effettua in studi medici, o comunque sotto la supervisione di un medico, il quale sottoporrà il soggetto ad alcuni accertamenti riguardo la sua buona salute, necessaria appunto a svolgere successivamente il processo di “smaltimento” delle cellule di grasso morte. Se non si risulta idonei a questi esami, la richiesta di effettuare il trattamento potrebbe essere rifiutata.

Richiedi informazioni:

© 2014 - Medica Porto Viro snc 45014 Porto Viro - P.iva:01365930294

Contatta        +39-0426-321070